scusate_se_e_poco.gif

Home arrow Archivio articoli arrow giugno11 arrow - Un quesito illegale
- Un quesito illegale PDF Stampa E-mail
lunedì 20 giugno 2011

Dunque, dopo il referendum di qualche anno fa sullo spostamento della fontana (del resto poi disatteso dall'amministrazione), i lissonesi dovranno affrontarne un altro?

Non pensiamo, anche perché il quesito "Vuoi tu che in piazza Libertà si possano fare concerti e manifestazioni 365 giorni l'anno?" è già di per se stesso illegale...

Quel che infatti Carraretto non ha capito è che il "cittadino testardo" non si accanisce nei ricorsi alla Procura e al Tar per motivi politici(l'ultimo ricorso è contro i due concerti pop-rock previsti in piazza Libertà il 14 e 22 luglio), ma per tutalare la quiete e la salute, sua e di altri, da livelli di rumore che – in genere – superano i valori ammessi. E la legge è dalla sua parte!

E’ un annoso problema, nato con la creazione di questo vasto spazio fatto apposta per le manifestazioni ma collocato in un'area densamente abitata; un problema che poi la nostra Amministrazione non ha voluto e saputo affrontare e risolvere per tempo.

Si potrebbe, per esempio imporre già nel contratto con gli artisti, l’uso di amplificazione ridotta alla norma, oppure spostando i concerti in altre zone meno abitate o addirittura a Palazzo Terragni (la delibera in questione prevede già che, in caso di cattivo tempo, gli eventi si tengano lì dentro...).

Certo, all’aperto è più bello, soprattutto d’estate; ma anche gli abitanti della zona hanno i loro sacrosanti diritti.
E non c'è barba di referendum che li possa cancellare.
 
< Prec.   Pros. >
© 2019 Il Listone - Lissone
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.